Come per tutta la comunicazione, negli ultimi anni anche il modo di fare politica e di parlare di politica è profondamente cambiato. Le campagne dei candidati sempre più spesso si spostano dai giornali al web, dalle piazze ai social media, utilizzando piccoli trucchi e strategie che avvicinano gli elettori. Quali sono le nuove tendenze usate dai politici di tutto il mondo? Ne ha parlato ieri sera all’Hotel Melià Antonio Palmieri, autore del libro “Internet e Comunicazione Politica”, insieme a Elisa Serafini, assessore del Comune di Genova, e ai giornalisti ed esperti di marketing politico Giorgio Borrini, Cristiano Bosco e Matteo Muzio.

Comunicare online in maniera convincente ed empatica è ormai una delle necessità primarie in politica. Partiti, candidati e leader di governo e di opposizione sempre più spesso ricorrono ai social media per esporre la propria idea di politica e instaurare un rapporto diretto con l’elettore. «Il modo di fare comunicazione politica è molto cambiato, basti osservare le ultime campagne italiane e il successo di Trump – spiega Giorgio Borrini, giornalista e consulente di marketing politico – Per attuare una campagna efficace, è fondamentale proporsi con autenticità e spontaneità per stabilire un rapporto di fiducia con l’elettore. Ancora prima delle idee e del programma politico, gli elettori sono interessati alla personalità, per potersi immedesimare e quindi fidare. Non dimentichiamo mai che l’aspetto emotivo prevale sempre su quello razionale».

Sebbene il modo più efficace per arrivare agli elettori sia ancora il door-to-door, ovvero la conoscenza diretta del candidato, i social media costituiscono un’alternativa altrettanto incisiva e di impatto. Vedere politici che si raccontano sui social è una strategia sempre più in voga; essa permette di creare empatia e suscitare fiducia nel pubblico, interessato a conoscere l’uomo prima del politico. «L’interazione con il pubblico è la regola fondamentale per attuare una strategia efficace – spiega l’autore Antonio Palmieri, da oltre vent’anni responsabile delle campagne elettorali e del web di Forza Italia – La base della comunicazione online è un linguaggio chiaro e semplice, facilmente comprensibile per ogni tipo di target. Gli errori più comuni? Improvvisare, ovvero non avere un piano editoriale ben preparato, e aprire un canale che col tempo non si riesce più a seguire; le campagne politiche sono come le relazioni, funzionano solo se c’è impegno, costanza e determinazione. Ricordiamo che con Internet non si vincono le elezioni, ma senza sicuramente si perdono».

Per concludere, possiamo dire che le 4 regole per una perfetta comunicazione online di un politico sono:

 

  1. Mostrarsi con trasparenza ed essere sempre se stessi
  2. Creare empatia e fiducia nel potenziale elettore
  3. Interagire con il pubblico attraverso le risposte ai commenti
  4. Utilizzare un linguaggio semplice, adatto a ogni tipo di target

#ASKAMERI #CHIEDILOANOI

HAI BISOGNO DI UNA NUOVA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE? CONTATTACI:

 

 

Nome*

e-mail*

Messaggio

Do il consenso all'utilizzo dei miei dati per la richiesta di informazioni (Leggi l'informativa completa)

Voglio iscrivermi alla newsletter Ameri

All rights reserved Ameri. Digital PR & Crisis Communication